Se è vero che l’articolo 42 del D. L. 17 marzo 2020 n.18 ha stabilito che l’infezione da covid-19 può essere considerata infortunio sul lavoro🤔 ➡️allora quali sono le azioni che devono essere attuate dal datore di lavoro per la messa in sicurezza dei propri dipendenti??! 👷‍♂️👷‍♀️👨‍🔬👨‍💼👩‍🏭👩‍🍳👨‍💻

Ad oggi abbiamo 2️⃣ strumenti:

1)📑il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020

2)💉i primi vaccini

Nonostante le misure previste nel Protocollo 📑 le stesse non risultano sufficienti per garantire l’effettiva eliminazione dei contagi sul luogo di lavoro così che il vaccino risulterebbe quindi essere l’unico vero strumento contro l’infezione. 🤔🤔🤔

✖️Può il datore di lavoro pretendere che il dipendente si sottoponga a vaccinazione?

✖️Cosa succede se il lavoratore si rifiuta?

✖️Quali provvedimenti potrà adottare in questi casi il datore di lavoro davanti a un potenziale pericolo per sé ed i propri dipendenti ?

😕Ad oggi non ci sono disposizioni di legge che permettono al datore di lavoro di richiedere la vaccinazione come condizione essenziale per l’accesso nei luoghi di lavoro….

😒Senza una norma ad hoc sarà difficile conciliare la tutela della sicurezza dei luoghi di lavoro e le conseguenze e responsabilità anche penali che ricadrebbero capo al datore di lavoro 🙄

Buon fine 2020

Leave a Comment